Notizie da Casarano

Controlli a tappeto sul territorio, scattano denunce anche per droga e armi

I carabinieri hanno eseguito una serie di ispezioni. Fra le altre cose, sequestrati sei revolver con matricola abrasa

CASARANO - I carabinieri della compagnia di Casarano, in questi giorni, hanno effettuato una serie di controlli in tutti i comuni di propria competenza. E in un caso è scattato anche un arresto. L’ordine di esecuzione per la carcerazione è scattato nei confronti di Emanuele Sabato, 41enne, già sottoposto agli arresti domiciliari.

SABATO Emanuele-2Il provvedimento nasce a seguito della dichiarazione di inammissibilità di un ricorso in Cassazione presentato da Sabato. Di fatto, è diventa esecutiva la sentenza del Tribunale di Lecce per rapina, detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e furto aggravato. Tutti reati commessi a Casarano e Lecce fra il 2014 e 2015. Sabato dovrà scontare una pena di quattro anni e sei mesi di reclusione e pagare mille e 400 euro di multa. E’ stato condotto nel carcere di Lecce.

A Collepasso, invece, i militari, in seguito a uno specifico servizio di controllo dei soggetti che possiedono armi, hanno denunciato P.S., 68enne, per detenzione abusiva di armi e munizioni. L’uomo deteneva regolarmente un fucile da caccia calibro 12, ma è stato trovato in possesso anche sia di sei revolver privi di matricola e marca, sia di ventidue cartucce calibro 7,65. Tutto sequestrato per ulteriori verifiche balistiche e accertare la provenienza ed efficienza delle armi. 

A “Capilungo”, marina di Alliste, invece, in seguito alla segnalazione di un cittadino, i carabinieri dell’aliquota radiomobile hanno trovato sulla scogliera un sacco di juta ancora parzialmente umido. All’interno c’erano dieci involucri contenenti marijuana per un peso complessivo di 14 chili e mezzo. La droga è stata sequestrata. Sono in corso ulteriori le indagini.

Di furto di energia elettrica dovrà rispondere, invece, V.S., 50enne di Casarano. I carabinieri della stazione locale e il personale dell’Enel hanno accertato l’allaccio abusivo alla rete elettrica mediante la manomissione del contatore. Per tentato furto, a Melissano, è stato invece denunciato M.E.S.,31enne: i militari l’hanno sorpreso a rompere a calci il distributore automatico di una farmacia del posto.

cc parabita dpl-2Ancora, denuncia a carico di L.S., 55enne di Taviano, poiché si sarebbe disfatto arbitrariamente di un’autovettura di cui era stato nominato custode giudiziale. Mentre di violazione degli obblighi imposti dall’autorità giudiziaria rispondono due soggetti rispettivamente di Melissano e Racale: non avrebbero rispettato gli orari fissati di presentazione alla polizia giudiziaria.

Trasporto di rifiuti non pericolosi senza autorizzazione è invece il reato contestato a Taviano a carico di C.G., 66enne, e C.G., 27enne, entrambi di Galatone: a bordo del proprio autocarro avrebbero raccolto innumerevole materiale ferroso senza iscrizione all’albo nazionale dei gestori ambientali.

 A Parabita è stato denunciato per porto abusivo di oggetti atti a offendere A.L., 23enne: l’hanno trovato in possesso di un manganello di legno di 45 centimetri, nascosto nel vano porta oggetti del suo ciclomotore. E’ stata contestata anche la mancata copertura assicurativa e la guida senza patente, ragion per cui n’è conseguito il sequestro amministrativo del veicolo.

Non manca lo spaccio di sostanze stupefacenti. Durante servizi di osservazione in borghese, è stato denunciato a Ruffano C.L., 21enne, trovato in possesso di cinque piante di marijuana. Servizi antidroga simili si sono svolti a Ugento, dove nei guai sono finiti P.R., 21enne, e U.S., 32enne. Controllati a bordo della stessa autovettura, sono stati trovati in possesso, rispettivamente, di 300 euro in banconote di piccolo taglio e cinque dosi di cocaina.

droga rdm 8.6.17-2Infine, sempre a Ugento, S.R., 35enne, fermato in auto, è stato trovato in possesso sia di 2 grammi di cocaina e, a seguito di perquisizione domiciliare, sia di 500 grammi di bicarbonato, un bilancino elettronico e ritagli di materiale plastico.

Alla Prefettura, per uso non terapeutico di sostanze stupefacenti, sono stati segnalati quattro soggetti di Casarano, due di  Parabita, tre di Melissano, uno di Racale e uno di Taurisano, trovati dai militari con modiche quantità marijuana, hashish o eroina.

Con l’etilometro è stato poi rilevato lo stato di ebbrezza di un soggetto di Parabita alla guida della propria autovettura con un tasso alcolemico di 1,2 grammi per litro. In altri due casi, altrettanti soggetti sono stati denunciati poiché si sono rifiutati di sottoposti sia all’etilometro, sia agli accertamenti sanitari per verificare lo stato di alterazione psicofisica da assunzione di sostanze stupefacenti.  Le misure di prevenzione inoltrate riguardano sei proposte di foglio di via obbligatorio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IMG-20170617-WA0014-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Furgone sbanda, finisce contro l’albero e prende fuoco: un ragazzo in coma

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

  • Violenze durante il sonno, a processo il padre adottivo

  • Finanziamenti con documenti falsi, al terzo tentativo scattano le manette

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento