menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Casarano Today

Commessa vede rapinatori e si rifugia sotto bancone: loro ripuliscono vetrina per 4mila euro

Il colpo all'ora di chiusura, ai danni di un compro oro di Casarano. Entrambi coperti da passamontagna e armati di pistola sono ora ricercati dai carabinieri

I carabinieri di Casarano

CASARANO – Hanno agito intorno alle 20,45, quando ormai il compro oro era in chiusura. Due individui, con i volti coperti da passamontagna, e armati di pistola, hanno messo a segno una rapina ai danni della rivendita di monili di via XX Settembre, a Casarano. Il locale si trova all’interno di una corte: la coppia ha provato ad entrare nell’esercizio ma la dipendente, alla vista dei due individui travisati, si è chiusa all’interno.

Poi, abbassandosi sotto il bancone per trovare rifugio, ha schiacciato il pulsante di allarme. Ma loro non si sono arresi. Hanno mandato in frantumi la vetrina posta sul lato destro, e trafugato tutti i gioielli esposti sui ripiani: bracciali, anelli e collane per un valore di circa 4mila euro. Un valore destinato in un secondo momento, quando il titolare dell’attività avrà terminato il preciso inventario.

Sul posto, i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Casarano, guidata dal tenente Clemente Errico. I militari hanno ascoltato la malcapitata presente nell’attività al momento del colpo, e altri testimoni che hanno fornito ulteriori dettagli. I rapinatori sono fuggiti, almeno in un primo tratto, a piedi. Evidentemente, poco distante, un terzo complice li attendeva alla guida di un’auto. Saranno ora i filmati dei sistemi di videosorveglianza installati nell’isolato a chiarire il tragitto percorso negli istanti successivi alla fuga.

Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    • Incidenti stradali

      Si scontra con la moto sul furgone, muore sul colpo un 46enne

    • Cronaca

      Traffico di droga fra le province di Brindisi e Lecce, quarantotto indagati

    • Incidenti stradali

      Moto da cross sotto un camion, ragazzo in prognosi riservata

    • Cronaca

      Mezzo chilo di marijuana e cocaina: di nuovo nei guai tre anni dopo

    Torna su