homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Casarano Today

Botte e coltelli per avere rapporti sessuali: paga il conto con la giustizia

Rocco De Micheli, 51enne di Casarano, avrebbe molestato una donna per almeno un anno, arrivando anche a colpirla in volto: deve scontare la pena

CASARANO – E’ arrivato per Rocco De Micheli, 51enne di Casarano, il momento di saldar il conto con la giustizia. Sono stati i carabinieri della stazione locale a dare esecuzione all’ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Lecce nei suoi confronti. Gli stessi militari casaranesi, a suo tempo, avevano indagato sulle sue condotte, accusandolo di tentata violenza sessuale, ingiurie, minacce, molestie continuate nei confronti di una donna 40enne.

I fatti per i quali fu incriminato risalgono a un lungo periodo compreso tra il febbraio del 2007 e lo stesso mese dell’anno successivo. In periodo, stando alle accuse, avrebbe adottato comportamenti tali da condurre la vittima a uno stato di ansia e preoccupazione, sino da avere anche paura di uscire di casa. Una condizione, purtroppo, simile a quella di tante altre vittime di violenze e atti persecutori.  

De Micheli Rocco-2Stanca dei continui pedinamenti, degli appostamenti e delle avance sgradite e perpetrate con metodi a dir poco rudi, la vittima decise di denunciare tutto. Nell’ottobre del 2007, ad esempio, l’uomo le avrebbe impedito di entrare nella sua autovettura, e, a gambe divaricate, le avrebbe indicato le parti intime intimandole di avere un rapporto sessuale con lui, altrimenti l'avrebbe riempita di botte.

Il 6 gennaio del 2008, ancora, l’uomo l’avrebbe colpita con un violento pugno in pieno viso. Esattamente un mese dopo, il 6 febbraio, De Micheli con una mano avrebbe coperto la bocca alla vittima per impedirle di urlare e chiedere aiuto, e con l’altra le avrebbe sferrato una coltellata verso il viso, schivata opportunamente con il braccio sinistro, tanto da provocarsi una ferita e riuscendo solo in quel modo a scappare.

De Micheli per quei fatti fu condannato a cinque anni e mezzo, nel 2011. Ora che la sentenza è diventata definitiva, è stato condotto presso la casa circondariale di Lecce.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Questa è la classica persona che non ha, nè la strada per camminare, nè sa dove si trova e si fanno sempre largo con la bocca a parlare troppo sugli altri. Questo però è il suo risultato. Intelligenza 0. Mo vediamo i parenti stretti cosa hanno da dire, magari gli daranno del poveretto...

  • Accheservono quei cinque anni dopo esce pensate che sia pentito e diventato un santo? Il terrore di quella povera donna solo a sapere che sta per uscire cosa ne pensate?

  • ennesima bocca da sfamare a carico dei contribuenti.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    "Stai zitta". Rinchiusa in una stanza, rapina nel bar in piena notte

  • Otranto

    Il veliero affonda a tre miglia da Punta Palascia. Salvati in 52 dopo il “mayday”

  • Otranto

    La "maledizione" dell’Adriatico: brucia un altro yacht nelle acque di Otranto

  • Politica

    Il carico tributario per i leccesi è di 809 euro, tra i più alti d'Italia

I più letti della settimana

  • Schianto in curva contro il muretto a secco: grave una 24enne

  • Accerchiato e rapinato di 8mila euro delle slot

  • Notte dei piromani in Salento: fuoco a box, ai mezzi di un’azienda e 7 auto

  • Dal panetto in tasca alla piantagione in giardino, i carabinieri "rastrellano"

  • Operazione Coltura: intrecci tra mafia e politica, in 22 scelgono rito alternativo

  • Il reato era già prescritto, annullata dalla Cassazione la condanna a Filograna

Torna su
LeccePrima è in caricamento