Notizie da Casarano

Ambulanza fermata dal mercato. Il primo cittadino: “Presentato percorso possibile”

La morte di un 64enne, deceduto in via Ungaretti mentre i sanitari correvano per qualche centinaio di metri a piedi verso il suo domicilio, ha riproposto un problema annoso. Il sindaco Stefàno: “Ipotesi spostamento verso la ferrovia”

CASARANO – Un possibile percorso per i mezzi di soccorso durante lo svolgimento del mercato settimanale è stato inoltrato da tempo alla direzione sanitaria dell’Asl di Lecce in modo da consentire il raggiungimento delle case e delle strutture, compresa una scuola materna, ricadenti nell’area presidiata dagli ambulanti con le loro mercanzie.

La precisazione del sindaco di Casarano, Gianni Stefàno, arriva il giorno dopo il decesso di  Cosimo Coppola, 64enne di Casarano, cardiopatico. L’uomo risiedeva in via Giuseppe Ungaretti, non lontano dal mercato coperto e in uno dei punti, nella zona 167, alle in cui il martedì mattina si tiene la consueta e affollata esposizione delle bancarelle.  Quando, in seguito all’accorata telefonata della moglie e dopo aver percorso circa 200 metri a piedi mentre l’ambulanza provava a farsi largo tra gli stand, i sanitari sono giunti presso il domicilio interessato, il cuore dell’uomo aveva già cessato di battere.

E i residenti della zona sono tornati subito con la memoria a qualche anno addietro quando una vicenda simile coinvolse una sfortunata donna: “Questa amministrazione – spiega oggi il primo cittadino - conosce e concorda con i residenti di contrada Botte sul fatto che vi sono una serie di problemi legati allo svolgimento del mercato settimanale. Non a caso già da tempo stiamo studiando e valutando delle alternative per spostare il mercato, verso la ferrovia, per liberare via Poerio e via Memmi”.

Sull’episodio, già ieri, si sono fatti largo venti di polemica politica ai quali Stefàno ha inteso oggi rispondere: “Quanto alle dichiarazioni della consigliera Fersino, non posso fare a meno di ricordare che tali problemi esistevano già al tempo in cui lei stessa era vicesindaco con delega al Commercio e alla Polizia municipale e pertanto l’unica cosa che a me sembra veramente non seria è questo atteggiamento mistificatore, nel tentativo di attribuire ad altri le colpe per soluzioni che non è riuscita a trovare durante il suo mandato”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (9)

  • Il Sindaco Stefano, come ormai d’abitudine consolidata, quando sente lesa la sua Divina maestà non riesce a fare altro che profondere accuse e invettive senza neanche fermarsi a leggere quello che i suoi ingiusti oppositori hanno detto. Se l’avesse fatto, infatti, avrebbe appreso che durante la mia esperienza di vicesindaco con la Giunta De Masi la questione del trasferimento del mercato settimanale in Via Poerio era già oggetto di valutazione. Tant’è vero che già nel 2011 avevo dato disposizione all’Ufficio commercio in collaborazione con la Polizia Municipale di verificare le presenze effettive dei commercianti per procedere alla revoca delle autorizzazioni non più utilizzate e rideterminare gli stalli necessari. Occorre ringraziare il Partito del Sindaco e gli allora consiglieri del PD se il Comune di Casarano ha subito 14 mesi di commissariamento con i relativi danni e la totale situazione di stallo di tutte le iniziative intraprese dall’amministrazione De Masi. Il suo attuale vicesindaco oltre a far perdere importanti opportunità al settore commerciale di Casarano (leggi Progetto di riqualificazione della rete commerciale del centro storico finanziato dalla Regione Puglia) ad una mia interrogazione specifica sulla necessità di trasferire l’ubicazione del mercato settimanale, rispose che il lavoro di ricognizione era quasi pronto e che in tempi brevi si sarebbe proceduto alla sua sistemazione. Chi mistifica la realtà, pertanto, non è la consigliera Fersino, ma il Sindaco Stefano e la sua Giunta. Per quanto riguarda la capacità di risolvere i problemi posso certamente suggerire al Sindaco di andare a leggere gli atti per vedere che cosa ho fatto nei mesi del mio assessorato. Se non ce la dovesse fare sarà mia cura fargli avere l’elenco. La smetta di accusare quindi i suoi predecessori e cominci a rimboccarsi le maniche perché delle cose che non ha fatto e che nel frattempo sta perdendo ne sono informati non solo i cittadini di Casarano ma anche i suoi sassi!

  • Alzare le braccia come fanno i nostri amministratori è uno schiaffo a chi come tanti, ogni giorno, si prodigano a finchè questo paese non sconfini in una guerra civile-Vergogna-

    • Affinchè

      • Se proprio deve fare il maestrino, per lo meno lo faccia bene. Affinché va con accento acuto, non certo con quello grave.

  • Concordo pienamente col signor "detto fatto", i vigili passano tra le bancarelle per fare cosa? Riscuotere le tasse, e, senza fare nome del vigile, parlare solo di calcio con i venditori ambulanti... Ma per piacere, vogliamo svegliarci e sistemare un po' Casarano? Gli spazi per fare il mercato dove e sottolineo dove non ci sono case vicine ci sono, solo che è meglio lasciarli abbandonati anzichè pulirli e sistemarli un po'... Per non parlare dei vigili che quando te ne serve uno anche per una semplice informazione non lo trovi manco a cercarlo con la lanterna magica... Stanno tutti in giro con le auto del comune a controllarsi le loro campagne o sempre attaccati al cellulare che parlano dei fatti propri... E poi si sente dire che nemmeno la precedente amministrazione ha risolto i problemi. Il problema della politica è che ogni candidato prima delle elezioni promette mari e monti e dopo essere eletto dimentica le promesse fatte. E non parlo solo delle amministrazioni comunali, ma della politica in generale. Ritornando al problema della viabilità di Casarano che dire, ormai non c'è più nulla da dire, sembra di abitare nelle campagne e non in una cittadina. La strada Casarano Ruffano, ad esempio, proprio all'ingresso di Casarano è un colabrodo e proprio questa settimana cos'hanno fatto? Hanno "buttato" due/tre "macche" di catrame che non servono proprio a niente tanto con la pioggia di oggi saranno andate giù via. E intanto noi paghiamo le tasse per i servizi e inoltre portiamo le nostre auto dal meccanico ogni mese per guasti alle sospensioni. E i nostri soldi? Che fine hanno fatto? Dove stanno i soldi delle tasse pagate da noi per i servizi di urbanizzazione? Per non parlare della mania che hanno di piantare sui marciapiedi gli alberi di pino, che distruggono marciapiede e strada...quando poi basta andare a Matino che noi diciamo "ca su fessi" dove hanno fatto un lungo viale tutto adornato con piante di magnolia, un albero stupendo, sempreverde e con dei fiori che sono uno spettacolo sia visivo che olfattivo... Noi no, piantiam i pini, così cola la resina sulle auto in sosta e distruggiamo anche le strade.... Ma per piacere, ci sarebbe da fare un romanzo di 1000 pagine per elencare tutte le problematiche di Casarano...

  • Il traffico di Casarano é perennemente incasinato per una viabilità da paesino rurale e non da cittadina moderna, se poi ci mettiamo anche il mercato settimanale arrivano i disastri. E pensare che qualche decennio fa, sulla spinta di una effimera primavera di benessere economico - industriale, miseramente fallita, qualcuno ebbe l'ardire di proporre questa cittadina a seconda provincia salentina.

  • Un percorso alternativo per andare dove? Spostamento, in altro luogo mantenendo sempre gli stessi problemi? Al momento pochi comuni hanno risolto il problema, Maglie è uno di questi. Evitiamo di nascondere la testa sotto la sabbia.

  • E x cortesia signor sindaco ci siamo stancati di camminare sulle montagne russe... E di andare ogni mese dal meccanico... Rifate il manto stradale

  • Dovrebbero andare a processo sindaco, assessori al ramo e comandante dei vigili. Che l'amministrazione precedente non abbia risolto il problema, caro Sindaco, non è una giustificazione. Credo che, come tutti i giorni di mercato, i vigili siano andati a riscuotere la tassa per occupazione del suolo pubblico dai commercianti espositori e hanno fatto finta di non vedere che la circolazione della via era completamente impedita. E se fosse scoppiato un incendio alla scuola materna? A mio avviso ci sono molte mancanze e responsabilità individuali. Spero che la famiglia della persona deceduta abbia ladisponibilità di un buon legale.

Notizie di oggi

  • Politica

    “Un sindaco da solo non cambia la città. Piazzale Cuneo ce lo insegna”

  • Politica

    “Per me voto disgiunto da tutte le coalizioni”. La scommessa di Adriana

  • Cronaca

    Suicida in cella d'isolamento, la madre denuncia: "Mio figlio doveva prendere farmaci"

  • Cronaca

    "Chronos", accusati di assenteismo: chiuse le indagini su 17 dipendenti

I più letti della settimana

  • Attacco allo stand della Lega nella piazza, ragazza contusa

  • Fuori strada di notte con la Mercedes, viene ritrovato morto all'alba

  • Esalta il fisico con gli abiti giusti

  • Malore improvviso, cameriere cade e batte la testa: in codice rosso

  • Intonano cori da stadio a Pescara, leccesi aggrediti. Uno accoltellato

  • Esplode il distributore di bibite: operaio 23enne in prognosi riservata

Torna su
LeccePrima è in caricamento